Monthly Archives: maggio 2015

Approvato il bilancio, a fine anno il primo saggio storico

pestelli 1 copia

Il Consiglio di amministrazione del Centro Studi Pestelli ha approvato martedì 26 maggio il bilancio dell’esercizio 2014 all’unanimità. La riunione, a cui hanno partecipato anche i Revisori dei conti e il Comitato Scientifico è stata anche l’occasione per fare il punto sui progetti di sviluppo per l’anno in corso.

Il presidente Giorgio Levi ha ricordato che gli obiettivi sono l’avvio del Premio di laurea Pestelli, già pubblicato e online sui siti delle università italiane e su quelli di tutti gli organismi di categoria, e la pubblicazione a fine anno del primo saggio della nuova gestione del Centro. Si tratta della pubblicazione della storia del giornalismo torinese negli anni della dittatura fascista. Quali giornalisti, le loro testate, i compiti che hanno svolto durante il Ventennio. A scriverlo il dottor Cuxac dell’università di Lione che ha condotto uno studio dettagliato di oltre 600 pagine che verranno ora ridotte per consentirne una pubblicazione più agevole. Se saranno rispettati i tempi è ipotizzabile la sua uscita prima della fine dell’anno.

In cantiere anche il progetto di un’archivio video che porterà davanti alle telecamere i giornalisti piemontesi che hanno attraversato gli anni della ricostruzione, della contestazione del ’68, il terrorismo, la lotta operaia, i grandi fatti di cronaca locale. Il sito del Pestelli diventerà così una memoria storica e visiva permanente. Per ora un progetto, ma su quale i colleghi hanno dichiarato la loro volontà d’impegnarsi.

Il 2016 potrebbe essere infine l’anno per l’organizzazione degli Stati generali del Giornalismo, occasione con la quale il Pestelli vorrebbe portare attorno ad un tavolo, in una grande manifestazione, i principali attori del giornalismo italiano. Dai vertici del sindacato a quelli dell’ordine, dalla federazione degli editori ai direttori di giornale. Giornata nella quale verrà anche consegnato il Premio Pestelli. Un evento significativo, che necessità di finanziamenti adeguati, al quale fin da ora sono chiamati a progettare con il Pestelli, l’Associazione Stampa Subalpina e l’Ordine dei Giornalisti del Piemonte.

 

Grandi reporter di guerra al Circolo dei Lettori

3

da sinistra Alessandra Comazzi, Giorgio Levi e Medyan Dairieh, inviato di Al Jazeera, in visita al Pestelli con Peter Bouckaert e Lauren Wolfe.

circolo lettori 24

dibattito 2

foto Augusto Montaruli

Le sale del Circolo dei Lettori affollate il 22 maggio per l’evento “Human rights  and wars”, che riuniva attorno ad un tavolo alcuni tra i migliori corrispondenti di guerra al mondo. Dibattito moderato da Giorgio Levi, presidente del Pestelli.

Come riporta su Facebook l’Associazione Stampa Subalpina: “Una serata di grande giornalismo e di grande umanità. Si è appena concluso l’incontro “Human rights and wars. Diritti negati nei contesti di conflitto” al Circolo dei Lettori di Torino, organizzato da “L’Ambulanza dal cuore forte Onlus”, associazione nata nell’estate del 2013 su impulso della fotoreporter Andreja Restek e di un gruppo di giornaliste torinesi. I riflettori si sono accesi sulle numerose situazioni di conflitto (tensioni sociali, guerre, civili e non, terrorismo), in cui la negazione dei diritti umani è sistematica. Ne hanno parlato Lauren Wolfe, direttrice di “Women Under Siege” (Donne sotto Assedio), un progetto giornalistico del Women’s Media Center di New York che si occupa di denunciare la diffusione della violenza sessuale nei conflitti; Peter Bouckaert, direttore delle Emergenze di Human Rights Watch, esperto di crisi umanitarie e a capo, negli ultimi anni, di numerose commissioni d’inchiesta sui crimini di guerra in Medio Oriente, nei Balcani e in Africa; Medyan Dairieh, giornalista anglo-palestinese che per primo ha raccontato il modo di operare del sedicente Stato Islamico, grazie alla sua esperienza di tre settimane all’interno dell’esercito del Califfato a Raqqa. Il documentario che ne è scaturito (di cui durante la serata è stato mostrato un estratto) a Medyan Dairieh è valso il premio “Frontline Awards 2014”. A introdurre e legare gli interventi l’affabile competenza di Giorgio Levi, presidente del Centro Pestelli”.

La serata è stata organizzata dall’associazione onlus “L’ambulanza dal cuore forte” (fondata dalla giornalista e fotografa Andreja Restek) con il patrocinio di Regione Piemonte, Comune e Città Metropolitana di Torino e dell’Associazione Stampa Subalpina, che l’ha sostenuta anche economicamente. È stata inoltre appoggiata da diversi enti e associazioni, a cominciare dal Circolo dei Lettori che la ospita, dall’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, dal comitato torinese di Se Non Ora Quando? e da privati cittadini.